Mangia e bevi di Gianni e Paola Mura – Il Venerdi di Repubblica

Dicono di noi

Il Venerdi di Repubblica
7 agosto 1998
mangia e bevi
di Gianni e Paola Mura

Fonte ” Il Venerdì di Repubblica ” Di Gianni e Paola Mura

Pescatori d’altri tempi

 

Ristorate sulla spiaggia, aperto nel 1950 da Alberto Di Scala. Ora siamo alla terza

generazione, in cucina c’è Maria, figlia e allieva ai fornelli di Alberto, e fra cucina e sala

Giovanni Mattera, figlio di Maria. Giovanni ha la passione dei vini (e si vede da una

carta che, in rapporto all’isola, non s’accontenta delle strade usuali), lei lo asseconda

con una mano d’oro sui piatti tradizionali e senza opporre resistenza per quelli che

hanno un brivido di creatività, o semplicemente aggiustano nei particolari delle ricette già

collaudate. Memorabili i moscardini affogati, in cui pare d’avvertire un’idea d’acciuga.

Macchè, assicura Giovanni, niente acciuga, quel che gioca nel sugo è un opportuno

tocco di vino rosso. Da Alberto ristorante stagionale, si apprezza la costante bontà della

materia prima, unita a un arredamento curato con tovaglie e bicchieri giusti, senza mai

scadere nella facile oleografia marinara. Molti clienti, a proposito di materia prima, sono

entusiasti del crudo e del marinato: filetti di orata, di spigola, di pesce bandiera, ma

anche gamberoni e aragosta. In alternativa dopo le frittelle di alghe offerte come

stuzzichino. il sautè di vongole. i moscardini fritti. Le alghe si trovano, col formaggio a

insaporire i bucatini. Ancora più delicati i papiri (pasta di Gragnano) con filetti di spigola,

mandorle e pomodorini. Più audaci, in bilico tra amarognolo, dolce e affumicato,

i rigatoni con dadolata di pescatrice, provola, radicchio e pomodorini. Classiche le

linguine al coccio o allo scorfano, solo su prenotazione la zuppa di pesce. con tutto il

rispetto per le grigliate miste, il pesce al sale o all’acqua pazza (orate e pezzogne,

generalmente), diamo la preferenza fra i secondi alla frittura di paranza, che a Ischia non

manca mai, ma qui è particolarmente leggera e croccante. In carta c’è sempre un pesce

“all’Alberto”, con patate olive nere e capperi. Da segnalare come una rarità (per l’isola)

un piccolo assortimento di formaggi serviti con miele di corbezzolo e marmellata di rosa

canina: lo diciamo sopratutto per i rossisti, e aggiungiamo che le porzioni (specie dei

primi) sono abbondanti e occorre calcolare i passi per non arrivare impreparati al

dessert: delizie al limone, sorbetti e torta caprese

 

Mangia e bevi Gianni e Paola Mura Il Venerdi di Repubblica

 

 

Rispondi

Pubblicazioni

Location

  •  Mail phone info - Maps 
  • Telefono +39 081 981259
  • Via C. Colombo, 8
  • 80077 -  Ischia - Napoli 

Mappa di Google

Google + Chef Gianni

Segui su Instagram

Instagram

Google + Ristorante Alberto

Alberto in blu new style 2014

TripAdvisor Bravo !

Certificato di qualità

Michelin-Guide-2016-cover-149

Ristoranti Michelin

logo_traveller_ischia pasta_modern_segan_175

Archivi

Categorie

Modulo di connessione

Iscriviti tramite e-mail

Ricevi le news del Ristorante Aberto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: